OFFICIALROAR

Elettrizzati per la seconda generazione della Formula E?

Sembra che sia tutto arrosto e niente fumo per la Formula E con le sue nuove vetture

Pubblicato il 31 Gennaio 2018 - Condividi su: Twitter, Facebook, Google+ - Tag di questo articolo: FormulaE, Gen2, AutoElettriche

Ci sono testate giornalistiche che non dimostrano molta fantasia e ogni volta che presentano una nuova vettura con un design un po' più spinto parlano di Bat-Mobile. Con la Gen2 della Formula E per una volta hanno fatto centro, ma non poteva essere altrimenti: è la legge dei grandi numeri.

Vedi tweet allegato

Vedi tweet allegato - Credit: qui

Having discovered what the @FIAFormulaE marketing department expect them to wear to match the ‘Batmobile’, @JeanEricVergne and @Andre_Lotterer get straight onto their agents. https://t.co/vpgSAUqjS8

Scritto da ePrix Diary su Twitter

Chi ha buona memoria si ricorderà che più o meno dodici mesi fa la stessa Formula E aveva fatto girare un concept di quello che avrebbero mandato in pista dalla quinta Stagione della Serie elettrica, quella in cui la novità più interessante riguarda il pacco batteria, che raddoppierà l'attuale capacità a bordo e farà sparire il momento più caratteristico della gara, cioè il cambio vettura. In un certo senso siamo davanti a qualcosa di rivoluzionario e possiamo credere ai vertici della Formula E quando parlano di un deciso passo avanti nelle prestazioni. Tutto arrosto e niente fumo quindi? Insomma.

Vedi tweet allegato

Vedi tweet allegato - Credit: qui

Vedi tweet allegato

Vedi tweet allegato - Credit: qui

Vedi tweet allegato

Vedi tweet allegato - Credit: qui

Vedi tweet allegato

Vedi tweet allegato - Credit: qui

Full studio range of the new car, looks better with every angle you see it at #FormulaE https://t.co/TZLLVOD8SE

Scritto da Chris Stevens 🏁 su Twitter

Il problema della Formula E è quello di tenere alte le aspettative e l'attenzione, altrimenti il destino della Serie è lo stesso dell'A1GP o della SuperFormula: belline, carine, ma brutte copie della Formula 1. La Serie elettrica ha dalla sua parte il fatto di essere appoggiata con tanto di patacca dalla FIA, di correre in un periodo dove non ci sono altre competizioni attive, di essere la vetrina di una fetta di mercato automobilistico piuttosto coeso che ultimamente tira parecchio e di una certa strategia di crescita che si muove agilmente sia con il marketing (vedi presenza sui social), sia con lo schivare passi falsi nella qualità di tutto quello che scende in pista.

Vedi tweet allegato

Vedi tweet allegato - Credit: qui

Who remembers the original launch in 2013?? We were there. 👌👌 #FormulaE

https://t.co/E8bA9N7mOW https://t.co/5uIedXzRNz

Scritto da Current E su Twitter

Di sicuro, guardando la presentazione del primo modello, la Generazione 1, di Spark - Dallara prodotto per la Serie, non c'è niente di eccitante, perché sembra di vedere una monoposto disegnata per un esercizio di proiezioni ortogonali a scuola. Con la Gen2, invece, si ha davanti qualcosa di futuribile, ma soprattutto qualcosa capace di definire un nuovo canone estetico per le monoposto, così che riesce a passare in seconda linea il fatto di trovarsi davanti ad una Formula con singola specifica di telaio e gomme.

Vedi tweet allegato

Vedi tweet allegato - Credit: qui

First glimpse of the @FIAFormulaE S5 car, with LED lights on the Halo

#FormulaE #Halo https://t.co/ljLVMkyhux

Scritto da LAT Images su Twitter

Quindi com'è la Gen2? Intrigante, ma il problema è che per ora non è stato presentato niente di oggettivo: quello che avete visto fino adesso sono solo render, modelli generati con il computer, un concept rivisitato rispetto a quello fatto vedere lo scorso anno. Per vedere effettivamente quanto sia bene armonizzato l'HALO nel telaio, quanto sia tamarro il suo LED e come sia dimensionato veramente il profilo estrattore (interessante comunque il concetto di migliorare la prestazione generale con la riduzione della resistenza aerodinamica all'avanzamento, vedi carenature delle ruote anteriori), bisognerà aspettare il Salone di Ginevra.

Vedi tweet allegato

Vedi tweet allegato - Credit: qui

It‘s Formula E race week 🙌🏻 heading to Chile tomorrow. How cool is the official cover? 😁👌🏻FanBoost is also open please make sure to vote so we get it a 4th time in a row. Let‘s push Team #AllTheWayABT 💯 #FormulaE #Chile #race #Audi #Abt #AudiSpor… https://t.co/SG47PDJuD7 https://t.co/LtrwenHHB8

Scritto da Daniel Abt su Twitter

In un certo senso, con questa... presentazione, la Formula E ha fatto chiaramente intuire la volontà di porsi in un mondo a parte nel panorama delle competizioni automobilistiche: un modo per dire non siamo soltanto una Formula 1 con motore elettrico. Nell'ottica di costruirsi una credibilità maggiore di sicuro la strada intrapresa non è sbagliata, però, a nostro avviso, i vertici della Serie elettrica dovrebbero tenere conto di questioni anche più terra-terra, perché non è una gran bella pubblicità cancellare in corso d'opera, durante la quarta Stagione, tre gare. E poi dovrebbero tenere fede all'essere diretti nell'approccio con i tifosi: che senso ha presentare il modello 3D di una monoposto che all'atto pratico sarà visibile nella sua oggettività tra un paio di mesi e correrà ancora più in la (le vedremo in gara solo l'anno prossimo)? Sembra quasi che vogliano imitare la Formula 1.

→ Copyright © 2006-2018 www.officialroar.altervista.org. → CopyrightHTML5CSS.